Febbraio 27

Raccogliere commenti per migliorare il tuo prodotto

0  comments

TEMPO DI LETTURA  minuti

Ricevere commenti è una delle cose che spaventano di più le aziende (in verità le persone che ci lavorano).

Nei blog aziendali è quasi impossibile trovare uno spazio dedicato ai commenti a disposizione dei visitatori delle pagine, questo a mio avviso per due motivi principali.

More...

  1. Qualità delle informazioni: se esiste il blog spesso non veicola alcuna informazione veramente utile ai clienti.
  2. Paura del giudizio: c’è il timore che qualcuno possa scrivere critiche o messaggi che in qualche modo possano rovinare l’immagine aziendale.

1. Qualità delle informazioni per i clienti

Se ci fai caso la maggior parte dei blog sui siti aziendali seguono la falsa riga dei classici comunicati stampa e l’approccio è quello dell’annuncio. “Grande successo ieri al seminario dedicato a” oppure “E’ finalmente disponibile la nuova XXXX potete contattare il commerciale di riferimento per maggiori informazioni”, ecc… Quattro foto a corredo o un video mosso fatto con il cellulare e siamo a posto.

In sostanza sono degli spazi informativi a bassissimo valore in termini di vicinanza al cliente e ai suoi bisogni reali.

I contenuti presenti in un blog dovrebbero essere invece quanto di più vicino ai bisogni del cliente, dovrebbero affrontare e sviluppare temi, problematiche, punti di vista, best practices e altro ancora.

In questo modo fornirai al cliente motivi aggiuntivi per continuare a seguirti, usare meglio i tuoi prodotti e magari anche comprarli ancora in futuro.

2. Paura del Giudizio del cliente

Il tema dei commenti come anticipato, è spinoso, perché si parte dal presupposto che chiunque abbia un motivo per pubblicare lamentele o frasi ingiuriose, lo farà creando gravi danni.
A parte che abbiamo sempre la possibilità di moderare questi commenti, il punto chiave è che se un cliente si lamenta di qualcosa potresti avere la possibilità di prenderne coscienza e di agire conseguentemente.

Ad esempio apportando modifiche al prodotto o all’assistenza o qualsiasi altro aspetto della tua organizzazione.
Infatti, nei commenti oltre alle lamentele quello che arriva sono anche contributi e osservazioni che ti aiuteranno a focalizzarti proprio sugli aspetti critici (cioè importanti) per il cliente stesso.
Molto però dipende dall’approccio che usi nella costruzione dei contenuti: se fornisci soluzioni e suggerimenti che la tua audience trova interessanti, difficilmente otterrai commenti negativi, semmai indurrai le persone a contribuire raccontando la loro esperienza.

NOTA
E' sempre meglio convogliare i giudizi negativi in uno spazio che gestisci tu, piuttosto che si riempiano pagine su forum e pagine Facebook di settore. Infatti il tuo blog lo gestisci tu, il resto, semplicemente è fuori dal tuo controllo. 

Come usare i commenti a proprio vantaggio

Il valore più prezioso dei commenti sta nel fatto che ti aiuteranno a conoscere meglio i clienti e ti offriranno la possibilità di cambiare la tua prospettiva focalizzandoti proprio sul cliente e sui sui bisogni.
Anziché partire dal tuo prodotto/servizio potrai focalizzarti sui bisogni del cliente attorno al quale “costruirai” la tua soluzione (prodotto/servizio).

Daniel Goleman

“Gli individui capaci di prestazioni superiori cercano attivamente il feedback: vogliono sapere come sono percepiti dagli altri, e si rendono conto che si tratta di informazioni preziose.”

Le ricadute positive della raccolta dei commenti

Quando offrirai il tuo prodotto/servizio avrai la ragionevole certezza che ci sia già qualcuno interessato ad esso, risparmiandoti la pena di sviluppare qualcosa senza sapere se poi ci sarà qualcuno disposto a comprarlo.
Il dubbio che ti potrebbe venire è che questa operazione non sia fattibile per tutti i mercati e per tutti i prodotti, in parte sono d’accordo.
Ma in parte penso che questa sia la scusa che ti racconti per non dover provare a fare le cose diversamente.


Autore dell'articolo

Michele Valentinuz

Aiuto le PMI, le piccole imprese e i liberi professionisti a usare meglio il web per generare relazioni online e opportunità di crescita. Mi piace confrontarmi con l'analisi e la progettazione di sistemi di acquisizione clienti e lead generation.


Potrebbero interessarti anche:

Come trovare argomenti per il piano editoriale

Commerciale online e i nuovi strumenti digitali

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
__CONFIG_group_edit__{}__CONFIG_group_edit__
__CONFIG_local_colors__{"colors":{"--tcb-skin-color-0":"Royal Blue","--tcb-skin-color-8":"Picton Blue","--tcb-skin-color-10":"Anakiwa","--tcb-skin-color-1":"Picton Blue","--tcb-skin-color-3":"Deep Cove","--tcb-skin-color-5":"Nevada"},"gradients":{}}__CONFIG_local_colors__

Inizia a trovare clienti con i miei consigli

E' arrivato il momento di utilizzare il tuo sito per generare contatti commerciali e per migliorare la tua comunicazione online. Iscriviti ora alla mia newsletter!

__CONFIG_colors_palette__{"active_palette":0,"config":{"colors":{"7cb9f":{"name":"Main Accent","parent":-1},"1b8a9":{"name":"Accent Low Opacity","parent":"7cb9f"},"5f576":{"name":"Accent Medium opacity","parent":"7cb9f"}},"gradients":[]},"palettes":[{"name":"Default","value":{"colors":{"7cb9f":{"val":"rgb(132, 116, 158)","hsl":{"h":210,"s":0.78,"l":0.01,"a":1}},"1b8a9":{"val":"rgba(46, 138, 229, 0.08)","hsl_parent_dependency":{"h":210,"l":0.54,"s":0.78}},"5f576":{"val":"rgba(46, 138, 229, 0.2)","hsl_parent_dependency":{"h":210,"l":0.54,"s":0.78}}},"gradients":[]},"original":{"colors":{"7cb9f":{"val":"rgb(47, 138, 229)","hsl":{"h":210,"s":0.77,"l":0.54,"a":1}},"1b8a9":{"val":"rgba(47, 138, 229, 0.08)","hsl_parent_dependency":{"h":210,"s":0.77,"l":0.54,"a":0.08}},"5f576":{"val":"rgba(47, 138, 229, 0.2)","hsl_parent_dependency":{"h":210,"s":0.77,"l":0.54,"a":0.2}}},"gradients":[]}}]}__CONFIG_colors_palette__
__CONFIG_colors_palette__{"active_palette":0,"config":{"colors":{"9bd08":{"name":"Main Accent","parent":-1}},"gradients":[]},"palettes":[{"name":"Default Palette","value":{"colors":{"9bd08":{"val":"var(--tcb-local-color-7cb9f)"}},"gradients":[]},"original":{"colors":{"9bd08":{"val":"rgb(19, 114, 211)","hsl":{"h":210,"s":0.83,"l":0.45}}},"gradients":[]}}]}__CONFIG_colors_palette__
Iscrivimi
Acconsenti a ricevere le informazioni e a iscriverti alla newsletter secondo quanto previsto con la Privacy policy
__CONFIG_colors_palette__{"active_palette":0,"config":{"colors":{"30800":{"name":"Main Accent","parent":-1},"f2bba":{"name":"Main Light 10","parent":"30800"},"trewq":{"name":"Main Light 30","parent":"30800"},"frty6":{"name":"Main Light 45","parent":"30800"},"flktr":{"name":"Main Light 80","parent":"30800"}},"gradients":[]},"palettes":[{"name":"Default","value":{"colors":{"30800":{"val":"rgb(132, 116, 158)","hsl":{"h":262.8571428571429,"s":0.17796610169491528,"l":0.5372549019607843,"a":1}},"f2bba":{"val":"rgba(130, 59, 253, 0.1)","hsl_parent_dependency":{"h":261.9587628865979,"s":0.9797979797979799,"l":0.611764705882353,"a":0.1}},"trewq":{"val":"rgba(130, 59, 253, 0.3)","hsl_parent_dependency":{"h":261.9587628865979,"s":0.9797979797979799,"l":0.611764705882353,"a":0.3}},"frty6":{"val":"rgba(130, 59, 253, 0.45)","hsl_parent_dependency":{"h":261.9587628865979,"s":0.9797979797979799,"l":0.611764705882353,"a":0.45}},"flktr":{"val":"rgba(130, 59, 253, 0.8)","hsl_parent_dependency":{"h":261.9587628865979,"s":0.9797979797979799,"l":0.611764705882353,"a":0.8}}},"gradients":[]},"original":{"colors":{"30800":{"val":"rgb(59, 136, 253)","hsl":{"h":216,"s":0.98,"l":0.61}},"f2bba":{"val":"rgba(59, 136, 253, 0.1)","hsl_parent_dependency":{"h":216,"s":0.98,"l":0.61,"a":0.1}},"trewq":{"val":"rgba(59, 136, 253, 0.3)","hsl_parent_dependency":{"h":216,"s":0.98,"l":0.61,"a":0.3}},"frty6":{"val":"rgba(59, 136, 253, 0.45)","hsl_parent_dependency":{"h":216,"s":0.98,"l":0.61,"a":0.45}},"flktr":{"val":"rgba(59, 136, 253, 0.8)","hsl_parent_dependency":{"h":216,"s":0.98,"l":0.61,"a":0.8}}},"gradients":[]}}]}__CONFIG_colors_palette__
>